web stats counter La rana: lo stile complesso? - Pagina 4
Pagina 4 di 7 primaprima 1234567 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 31 a 40 su 65

Discussione: La rana: lo stile complesso?

  1. #1
    EntMod
    Punti: 25,877, Livello: 17
    Livello completato: 8%, Punti richiesti per il prossimo livello: 2,873
    Attività Generale: 91.0%
    Risultati:
    Raccomandazione del pesciolinoVeteranoTagger SqualoCreated Blog entryFondista
    Awards:
    Ultimo messaggio

    Registrato dal
    05 2007
    residenza
    vicino Lecco
    Età 
    41
    Messaggi
    3,800

    Predefinito La rana: lo stile complesso?

    La rana nasce ancor prima che il nuoto agonistico. Tutti in realtà nell'antichità nuotavano (chi era in grado) una specie di rana, se non altro perchè era l'unica cosa che vedevano fare.
    Uno stile difficile, perchè il più lento e il meno efficace dal punto di vista della velocità, eppure così bello a vedersi se nuotato bene.

    La bracciata a rana si effettua per fuori basso nella fase di trazione, dopodichè si porta verso l'interno e le mani si chiudono verso il busto all'incirca sotto il mento. E' vietato portare le mani dietro la linea delle spalle e i gomiti fuori dall'acqua. Il recupero avviene lungo la superficie o appena al difuori di essa. Le mani si portano in avanti naturalmente distese, in maniera libera.

    La gambata è molto diversa dagli altri stili, avviene sul piano orizzontale (rispetto all'acqua). Da distese le gambe vengono raccolte, la gamba sulla coscia e la coscia sul bacino, e i piedi portati all'esterno (extrarotati) e posti a martello (flesione dorsale). La spinta avviene eseguendo una specie di semicerchio col piede, mantenendo il ginocchio come compasso. La spinta è con la parte interna e inferiore del piede e con parte della gamba.

    La respirazione avviene durante la trazione, in una fase verso la fine del movimento.

    Molto importante è la coordinazione braccia gambe, che rende questo stile semplice una volta appreso ma difficile se non correttamente compresa questa fase. In genere il recupero della gambata si effettua durante la trazione (più o meno in fase avanzata) e la spinta successiva dovrebbe essere data durante la fase di scivolo, quando le braccia sono distese avanti.

    Eccezione al regolamento è l'apnea durante la virata e la prtenza: qui può essere eseguito un movimento di gambe a delfino (vietato in nuotata) e uno solo! Mentre è permesso alle braccia di oltrepassare la linea delle spalle e eseguire perciò la spinta, che nella nuotata non esiste: anche qui solo per una e una sola bracciata, dopodichè si deve riemergeree procedere con la nuotata consueta

    bierre
    Segui l'istinto Non puoi vincere, Darth...se mi abbatti, io diventerò più potente di quanto tu possa immaginare. Sei tu un d.io?...No...Allora..muori! Noi redivivi, loro redimorti!!
    Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con se l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, non ci sarà più nulla. Soltanto io ci sarò.

  2. #31
    Senior Member
    Punti: 4,220, Livello: 7
    Livello completato: 44%, Punti richiesti per il prossimo livello: 730
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Veterano1000 Punti Esperienza
    L'avatar di *SwimmY*
    Registrato dal
    06 2007
    Messaggi
    297

    Predefinito

    La rana ha una sua tecnica, non v'è ombra di dubbio.
    La questione è un'altra: pur essendoci una precisa gestualità nella nuotata, ognuno di noi ha una rana diversa da qualla dell'altro.
    Mentre negli altri tre stili (crawl, delfino e dorso) le differenze vi sono, ma sostanzialmente si percepiscono poco, nella rana ogni nuotatore ha un suo gesto e le differenze tra gli atleti sono macroscopiche.
    Non si tratta solo di essere cinquantisti, centisti e duecentisti; entrano in gioco potenza degli arti inferiori e degli arti superiori, statura, coordinazione...fattori prettamente individuali che rendono la popolazione dei ranisti più eterogenea delle altre.
    "Se il destino
    è contro di Noi...
    ...peggio per lui!!!"
    1° Reggimento Tuscania

  3. #32
    Senior Member
    Punti: 5,450, Livello: 8
    Livello completato: 34%, Punti richiesti per il prossimo livello: 1,000
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Fotografo principianteVeteranoTagger Pesciolino5000 Punti Esperienza
    L'avatar di .:S3M:.
    Registrato dal
    02 2008
    residenza
    Treviglio
    Età 
    32
    Messaggi
    172

    Thumbs up CX

    Concordo, diciamo che essendo lo stile che ha maggiore CX, ovvero coefficiente di attrito frontale, ci sono più soluzioni per risolvere questo eterno problema, tutte legate alla struttura fisica dei nuotatori, alla distanza e alle velocità.
    Circa la metà dei movimenti nella rana sono inproduttivi, per questo è importante far "durare di più" ogni propulsione con lo scivolamento, perchè ad ogni movimento la mia energia oltre a produrre spinta si disperde per circa la metà.

    Non è lo stile più difficile, è lo stile più difficile da costruire. ci sono bimbi di 2 anni che hanno già la gambata a rana (ranisti istintivi), per tutti gli altri il concetto resta sempre lo stesso:
    SI NUOTA PRIMA CON LA TESTA E POI COL CORPO

  4. Thanks Luigi E Natalya Poma ringraziano per questo messaggio
  5. #33
    Senior Member
    Punti: 4,220, Livello: 7
    Livello completato: 44%, Punti richiesti per il prossimo livello: 730
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Veterano1000 Punti Esperienza
    L'avatar di *SwimmY*
    Registrato dal
    06 2007
    Messaggi
    297

    Predefinito

    Quoto quanto ha scritto S3M con la scusa di annunciare alla Community di Corsia4 che sono viva e vegeta, ma molto impegnata.
    Mi è arrivata una mail: il Forum mi reclama dal 17 Febbraio!
    Noto piacevoli cambiamenti e discussioni un po' più briose, benissimo.
    A presto!
    "Se il destino
    è contro di Noi...
    ...peggio per lui!!!"
    1° Reggimento Tuscania

  6. #34
    Senior Member
    Punti: 5,450, Livello: 8
    Livello completato: 34%, Punti richiesti per il prossimo livello: 1,000
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Fotografo principianteVeteranoTagger Pesciolino5000 Punti Esperienza
    L'avatar di .:S3M:.
    Registrato dal
    02 2008
    residenza
    Treviglio
    Età 
    32
    Messaggi
    172

    Question Vedo e rilancio

    Domanda: Come vedete la rana supina?

    Io lavoro molto in fase di costruzione della gambata a pancia in su, spezzando il movimento, ovvero:

    - Supini, braccia lungo i fianchi, pullboy tra le bambe e movimento della gamba a rana dalle ginocchia in giù (questo evita che poi mi facciano la gambata aprendo le ginocchia coi piedi uniti a mò di ballerina in plié)
    La rana: lo stile complesso?

    - Successivamente usando anche il resto della gamba e stando attenti alle ginocchia che escono bene dall'acqua unite...

    Mi rendo conto che così è un approccio molto analitico, però sulle gambe a rana se non sono un pò analitico almeno all'inizio e su chi proprio non ha idea del movimento è dura andare avanti, perché purtroppo non sono tutti ranisti istintivi.

    Swimmy mi piacciono i tuoi esercizi e più o meno sono quelli che propongo anche io.
    Ma esiste la tecnica perfetta?
    Rispondo con un'altra domanda: Ma la persona a cui applichiamo la tecnica perfetta è perfetta a sua volta? Secondo me ogni gesto atletico, proprio perché non è eseguito da un robot, necessita di un adattamento in funzione alla persona, non esiste la tecnica perfetta, esiste la tecnica giusta per te.

  7. #35
    EntMod
    Punti: 25,877, Livello: 17
    Livello completato: 8%, Punti richiesti per il prossimo livello: 2,873
    Attività Generale: 91.0%
    Risultati:
    Raccomandazione del pesciolinoVeteranoTagger SqualoCreated Blog entryFondista
    Awards:
    Ultimo messaggio

    Registrato dal
    05 2007
    residenza
    vicino Lecco
    Età 
    41
    Messaggi
    3,800

    Predefinito

    La uso anche io, ma e' abbastanza controversa.
    Infatti non e' la posizione a rana piu' giusta (meglio sarebbe farla a pancia sotto, ma la respirazione diverrebbe difficoltosa).
    Inoltre gli allievi tendono a usare le braccia staccate dal corpo, o addirittura per nuotare, con piccole spinte, perdendo cosi' lo scopo dell'esercizio (teniamo presente che il bambino o anche l'adulto sentono di andare piano, e questo non li soddisfa). Tuttavia puo' essere utile...sul pull ho qualche riserva. Attenzione anche alla piu' grossa controndicazione: spesso con qiesto esercizio, i ragazzi tendono a intraruotare i piedi, cioe' a rivolgere le punte verso l'interno...on ho ancora capito perche', ma penso che dipenda dal fatto che si sentono prprio al contrario.

    bierre
    Segui l'istinto Non puoi vincere, Darth...se mi abbatti, io diventerò più potente di quanto tu possa immaginare. Sei tu un d.io?...No...Allora..muori! Noi redivivi, loro redimorti!!
    Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con se l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, non ci sarà più nulla. Soltanto io ci sarò.

  8. #36
    Senior Member
    Punti: 4,220, Livello: 7
    Livello completato: 44%, Punti richiesti per il prossimo livello: 730
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Veterano1000 Punti Esperienza
    L'avatar di *SwimmY*
    Registrato dal
    06 2007
    Messaggi
    297

    Predefinito

    La tecnica perfetta non esiste.
    La tecnica viene appresa dal nuotatore secondo criteri graduali di apprendimento e, in casi come il nuoto a rana, diventa anche uno stile perché l'atleta adatta a sé la tecnica.
    Nello stile libero, nel dorso e anche nel delfino, è facile parlare di abilità, agilità, tecnica, ma non nella rana. Gli errori macroscopici commessi in queso stile sono evidenti anche ai profani e non addetti ai lavori, ma rimangono parte della nuotata di un atleta.
    La tecnica perfetta credo esista solo nei tuffi: in questo sport chiunque vede se un tuffatore è bravo o no. La pulizia del gesto, quando c'è, balza all'occhio. Nel nuoto un po' meno perché, appresa la tecnica, il nuotatore costruisce il suo stile, cioè il suo personale modo di nuotare...pulito o no.
    Se esistesse una tecnica perfetta da adattare ad atleti, esisterebbero molte fabbriche di campioni...ammesso che gli allievi siano perfetti.
    "Se il destino
    è contro di Noi...
    ...peggio per lui!!!"
    1° Reggimento Tuscania

  9. #37
    Senior Member
    Punti: 5,450, Livello: 8
    Livello completato: 34%, Punti richiesti per il prossimo livello: 1,000
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Fotografo principianteVeteranoTagger Pesciolino5000 Punti Esperienza
    L'avatar di .:S3M:.
    Registrato dal
    02 2008
    residenza
    Treviglio
    Età 
    32
    Messaggi
    172

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da bierre Visualizza il messaggio
    [...]spesso con questo esercizio, i ragazzi tendono a intraruotare i piedi, cioe' a rivolgere le punte verso l'interno...on ho ancora capito perche', ma penso che dipenda dal fatto che si sentono prprio al contrario.
    bierre

    Forse perché si sensibilizzano alla presenza del pullboy e la tendenza può essere quella di qualcosa di fastidioso da "cacciare via"... però non saprei, io lavoro proprio in senso opposto, cioè se il pullboy non cade vuol dire che il movimento è giusto perché è partito dalle caviglie e non dalle ginocchia.

  10. #38
    Junior Member
    Punti: 2,417, Livello: 5
    Livello completato: 86%, Punti richiesti per il prossimo livello: 133
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    1000 Punti EsperienzaVeterano
    L'avatar di Gemininero
    Registrato dal
    09 2008
    Età 
    42
    Messaggi
    6

    Predefinito Consigli sulla Rana

    Voglio inizialmente fare i complimenti a tutti voi "abitanti" del Forum perchè ho trovato persone di grande competenza ed intelligenza. Dunque, il mio problema è questo: oltre a frequentare un corso di nuoto 2 volte a settimana, faccio anche nuoto libero per altri due giorni, sempre a settimana, di circa 1 h per volta. Mentre a SL, dorso e farfalla non ho problemi e mi è stato detto che ho una discreta tecnica a Rana meglio stendere un velo pietoso.. Separatamente la gambata e la bracciata possono essere anche sufficienti ma è il sincronismo che va a farsi benedire. Mi viene spontaneo di fare bambata / bracciata contemporaneamente e questo sò che è sbagliato perchè perdo una capacità propulsiva. Mi poteve indicare, per i giorni in cui faccio nuoto libero, una serie di esercizi che mi permettano di migliorare in questo stile. Già cerco di ripercorrere gli esercizi fatti durante le lezioni (dorso con gambata a rana, tavoletta e solo gambata, oppure cuscinetto e solo bracciata), ma qualche parere in più è sempre ben accetto e gradito.

    TIA

    Gemini
    Stultus quoque, si tacuerit, sapiens reputabitur et, si compresserit labia sua, intellegens.
    Antico Testamento, Proverbi (17, 28)

  11. #39
    Senior Member
    Punti: 5,912, Livello: 8
    Livello completato: 65%, Punti richiesti per il prossimo livello: 538
    Attività Generale: 0%
    Risultati:
    Veterano5000 Punti EsperienzaTagger Pesciolino
    L'avatar di Nessie
    Registrato dal
    06 2007
    Età 
    50
    Messaggi
    242

    Predefinito

    Potresti fare una bracciata e due gambate, in modo da essere costretto a fare una gambata mentre scivoli, a braccia allungate in avanti.
    Oppure cerca di forzare la separazione dei due movimenti nuotando lentamente, ma se è quello lo scopo...
    O, per svincolare la bracciata dalla gambata propria della rana, fai braccia rana con gambe a stile libero.

  12. #40
    EntMod
    Punti: 25,877, Livello: 17
    Livello completato: 8%, Punti richiesti per il prossimo livello: 2,873
    Attività Generale: 91.0%
    Risultati:
    Raccomandazione del pesciolinoVeteranoTagger SqualoCreated Blog entryFondista
    Awards:
    Ultimo messaggio

    Registrato dal
    05 2007
    residenza
    vicino Lecco
    Età 
    41
    Messaggi
    3,800

    Predefinito

    Ti unisco alla discussione sulla rana, cosi' magari trovi qualcosa in piu', nella sezione tecnica e didattica.

    Un saluto

    bierre
    Segui l'istinto Non puoi vincere, Darth...se mi abbatti, io diventerò più potente di quanto tu possa immaginare. Sei tu un d.io?...No...Allora..muori! Noi redivivi, loro redimorti!!
    Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con se l'annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, non ci sarà più nulla. Soltanto io ci sarò.

Pagina 4 di 7 primaprima 1234567 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. stile rana
    Da deep nel forum Tecnica e didattica
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 14 12 2010, 08: 49
  2. 50m stile rana
    Da killer922009 nel forum Allenamento
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 20 11 2008, 08: 58
  3. Trasporto manichino a rana vs stile
    Da Lord Carto nel forum Salvamento
    Risposte: 42
    Ultimo messaggio: 29 09 2008, 09: 01
  4. Stile delfino e a rana
    Da Luca92 nel forum Tecnica e didattica
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 25 09 2008, 08: 42
  5. programma di allenamento per 100m rana ,stile,dorso
    Da boomer nel forum Preparazione Atletica
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 03 11 2007, 20: 00

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Corsia4

    Corsia4 è un forum dedicato agli appassionati del clorato mondo delle piscine e di tutti gli sport che vi si praticano!

Seguici su

Twitter Facebook youtube Google+ GoogleCurrents RSS Feed